KENYA RIDUZIONE DELLE IMPOSTE PER RAFFORZARE LA RIPRESA NEL TURISMO

Tomas Haupt - Jun 2, 2014
0

L'industria del turismo del Kenya ha visto la sua giusta quota di problemi negli ultimi anni ed ha lottato per attrarre turisti e combattere la sua immagine negativa. C'è un innegabile necessità di recupero nel paese a seguito di un numero di visitatori molto basso e una serie di avvisi di sicurezza contro Nairobi e Mombasa , città che furono mete una volta fondamentali per i turisti, ma sono state in un costante declino per un certo numero di anni dopo numerosi attacchi e questo ha portato al Kenya Tourism Board di una attuazione di misure di emergenza per migliorare l'economia del turismo. La creazione di una migliore immagine è un aspetto, ma c'è un'attenzione ancora più grande sulle tasse.

Abbassando le tasse e migliorando la percezione pubblica, si spera che l'industria del turismo del paese si riprenda.

Le tasse sono una grande parte del problema, con le tasse di atterraggio negli aeroporti principali ed i prezzi delle escursioni per alcuni dei più premiati parchi del Kenya nel 2013 essendo i primi esempi che scoraggiano i visitatori e investitori, ma le autorità locali stanno tornando su alcune di queste misure per ridurre i costi e stanno mettendo più soldi in questi aeroporti per i futuri guadagni. Le tasse di iscrizione per l' Amboseli ed i parchi Nakuru sono stati declassati, i prezzi sono scesi da $ 90 a $ 80, le tasse aeroportuali sono state ridotti e - dal 29 maggio - tutti i biglietti aerei venduti dalle agenzie del Kenya saranno esenti IVA. Le tasse aeroportuali di Mombasa sono state ridotti del 40% e di Malindi del 10%, tuttavia, il finanziamento è stato anche approvato per portare l'aeroporto di Malindi agli standard internazionali in modo che possa accogliere gli aeromobili più grandi e più voli diretti. Malindi è una località costiera chiave ma la mancanza di accesso diretto è problematico. Con queste misure, insieme a una campagna mediatica online per il mercato europeo che sarà attiva e funzionante in poche settimane, sembra che le autorità keniane stiano facendo tutto quello che possono a casa ed all'estero per combattere veramente questa immagine di una nazione pericolosa e ottenere più affari.

Commenti

Aggiungi commento