AFFLUENZA ALLA TORRE EIFFEL SOLO UN QUARTO DEL NORMALE

Justin N. Froyd - Nov 8, 2021
0

Secondo le previsioni della società di gestione, l'iconico monumento accoglierà un totale di 1,5 milioni di visitatori quest'anno, rispetto ai 6,2 milioni del 2019.

La Torre Eiffel, messa in difficoltà finanziaria dalla crisi sanitaria, è tornata in ottobre ai livelli di frequentazione pre-Covid e ha ripreso il suo progetto di pittura, che deve essere completato per i Giochi Olimpici del 2024. La Signora di Ferro, che ha riaperto a luglio dopo quasi nove mesi di chiusura, ha vissuto "un bellissimo mese di ottobre" grazie a un "vero ritorno del turismo" nella capitale, ha notato la società di gestione della Torre Eiffel (Sete).

L'introduzione del green pass in piena estate non ha rallentato questa ripresa. La Torre Eiffel, che offriva test antigenici ai suoi visitatori che non avevano il prezioso codice QR, li ha fermati dopo averne effettuati 14.000 dal 21 luglio. La sua affluenza estiva è stata di 13.000 visitatori al giorno, contro i 25.000 dell'era pre-Covid, che è l'obiettivo, tenendo conto di una capacità del 50% negli ascensori.

Dai 14.000 nei giorni di fine settimana di settembre, il numero di visitatori è salito a più di 20.000 in ottobre, cioè "meglio che nel 2019 nei fine settimana", indica Sete che osserva un "ritorno dei vicini europei" e degli americani, questi ultimi costituiscono ormai il 10% della clientela. Ma con 1,5 milioni di visitatori previsti per il 2021 contro i 6,2 milioni del 2019, questa graduale ripresa "non coprirà le perdite accumulate" con la crisi, secondo la stessa fonte.

Tra i monumenti paganti più visitati al mondo, questo simbolo della Francia ha dovuto chiudere da metà marzo a fine giugno 2020, quando è avvenuto il primo blocco, poi di nuovo da fine ottobre 2020 a metà luglio 2021. Di conseguenza, Sete prevede perdite di 75 milioni di euro per l'anno in corso, dopo un deficit iniziale di 52 milioni per il 2020. Oggetto di un prestito garantito dallo Stato - 25 milioni di euro - e di una ricapitalizzazione del suo principale azionista, la città di Parigi, di quasi 60 milioni di euro, l'operatore ha fatto diverse richieste di aiuto, soprattutto allo Stato. "Le discussioni sono in corso". Sospesi dall'inizio di febbraio a causa di tracce di piombo superiori alla soglia regolamentare, i lavori di pittura in corso sono ripresi l'11 ottobre con un nuovo protocollo, indica anche Sete.

Commenti

Aggiungi commento