IN FRANCIA LA CLASSIFICAZIONE DEGLI HOTEL SARÀ MODERNIZZATA

Michael Trout - Nov 22, 2021
0

La classificazione degli alberghi francesi, che attualmente va da una a cinque stelle, sarà modernizzata e adattata ai cambiamenti del settore per includere la crescente offerta di "ostelli collettivi" e gli sforzi di valorizzazione nello sviluppo sostenibile, annunciati la settimana scorsa da Atout France, ente del turismo francese.

Come risultato del "lavoro di partnership" degli ultimi mesi tra Atout France, che promuove la destinazione turistica francese all'estero, e le organizzazioni professionali del settore alberghiero e della ristorazione (GNI, Umih, GNC), "le misure riguardanti la classificazione" degli alberghi "saranno annunciate come parte del piano di riconquista del turismo", ha annunciato Guillaume Lemière, direttore degli affari legali e regolamentari di Atout France.

Verdetto a breve

Questo piano sarà svelato presto. La classificazione degli alberghi sarà "modernizzata, adattata alle innovazioni dell'offerta e ai cambiamenti del settore", con una "entrata in vigore sperata, con riserva degli annunci del governo, il 1° aprile 2022", ha detto Guillaume Lemière.

Così, i criteri di sviluppo sostenibile, la digitalizzazione di alcuni servizi ("check-in" dematerializzato ...) o nuovi usi (hotel "luogo di vita", spazi di lavoro ...) dovrebbero ora essere presi in considerazione, mentre la classificazione del turista ammobiliato, "ancora riservato", sarà modernizzato in modo che più affitti stagionali sono classificati, "per amore di equità" nei confronti dell'hotel, ha giustificato G. Lemière. I nuovi criteri di sviluppo sostenibile saranno "raggiungibili e accessibili", ha promesso.

Inoltre, le nuove tendenze osservate nello sviluppo dei progetti alberghieri dovranno essere integrate, come la presa in considerazione della "condivisione" di servizi e strutture come una piscina, una spa o un ristorante tra due hotel vicini, nel 2022.

Quanto all'offerta innovativa e in piena espansione degli "ostelli collettivi" frequentati da una clientela giovane, dovrebbe essere oggetto di una "nuova classificazione", ha spiegato il direttore di Atout France.

Mentre "l'87% delle camere d'albergo sono classificate in Francia" - un processo volontario, poiché gli albergatori possono rifiutarsi di essere classificati -, ha ricordato Lemière, la classificazione "rimane uno strumento per identificare il livello di comfort, le attrezzature e i servizi" degli stabilimenti, ha detto, ma dovrebbe essere "rinnovata" per evidenziare meglio le recenti evoluzioni dell'attuale offerta ricettiva.

Commenti

Aggiungi commento